Patologia

Le cisti tendinee o articolari, definite anche come gangli, sono patologie molto frequenti che generalmente nascono sulla parte dorsale del polso, più raramente sul lato palmare, sulle falangi o alla base delle dita e si presentano come piccole tumefazioni piene di liquido dalla forma rotonda. Sono costituite da liquido sinoviale-il “lubrificante naturale” di tendini ed articolazioni necessario a facilitare, senza attrito, il loro regolare movimento, che a causa di determinati fattori (infiammazioni, traumi, artrite, artrosi movimenti ripetuti, predisposizioni anatomiche), può aumentare di volume raccogliendosi in piccole cavità dette appunto cisti.

Generalmente asintomatiche e di piccole dimensioni (da pochi mm a 3-4 cm), possono insorgere a qualsiasi età, più frequentemente nelle donne. Se nascono nella rima articolare (spazio fra due ossa), vengono definite cisti o gangli artrogeni, se invece sono a carico del tendine si parla di cisti tendinee.

Vengono diagnosticate con un semplice esame clinico, tutt’al più integrato con un’Ecografia o una Rmn.

Trattamento delle Cisti Tendinee e dei Gangli Artrogeni

E’ possibile, ma piuttosto raro, che le cisti regrediscano temporaneamente da sole o grazie al riposo e alla somministrazione di farmaci anti-infiammatori. Nella gran parte dei casi, invece, pur se con possibili recidive, si dovrà ricorrere ad un intervento chirurgico, che oltre l’asportazione della cisti, in base al suo sito di origine, può prevedere anche la rimozione di parte della guaina tendinea o della capsula articolare.

Risorse Esterne

Trattato di chirurgia della Mano – sicm.it